Quando un imam, noto a causa della sua induzione di violenza e brutalità contro i cristiani, chiama proprio il pastore Kofi, questi si insospettisce subito. Un incontro molto speciale era nell’aria . . .

L’imam, chiamiamolo Ahmed, disse al pastore Kofi (anche il suo nome è cambiato) che voleva incontrare un pastore perché aveva avuto un incontro con Gesù. «Aveva molte domande e non capiva alcune cose», scrive Galen Burkholder insieme a Brother Tefera nel suo nuovo libro «Ordinary Disciples. »

Il pastore Kofi sospettava l'attesa di un attacco violento. Dopo tutto, aveva sentito parlare di pastori attirati in trappole con il pretesto che qualcuno voleva saperne di più, scrive Burkholder. I pastori che partecipavano a tali incontri venivano spesso picchiati, imprigionati o addirittura uccisi.

Una voce silenziosa

Ma la voce silenziosa dello Spirito Santo disse al Pastore Kofi che avrebbe potuto incontrare l’Imam, e così si recò nel luogo previsto al momento stabilito.

Kofi si guardò intorno nervoso. Poi vide la silhouette di un uomo in una lunga veste, l’abito clericale tradizionale di un imam, avvicinarsi a lui lungo il vicolo.

L’Imam lo ringraziò per l’incontro e disse che altri due pastori si erano rifiutati di incontrarlo. Poi cominciò a raccontare una storia che sembrava provenire direttamente dagli Atti degli Apostoli.

Apparve una luce

A quanto pare, l’Imam Ahmed e altri compagni di Imam che si scagliavano contro i cristiani stavano andando da una città all’altra. Improvvisamente una luce splendeva dal cielo, e Ahmed cadde in ginocchio. Egli udì una voce dal cielo che diceva: «Smettete di perseguitare il mio popolo». Poi la voce gli diede un versetto del Corano e la luce scomparve. Anche gli altri hanno visto la luce, ma solo Ahmed aveva sentito la voce.

L’Imam Ahmed disse al pastore che credeva di aver incontrato Isa al-Masih, il nome di Gesù nel Corano.

Quando l’Imam Ahmed tornò a casa, guardò il versetto che gli era stato dato per strada e diceva: «Onora il popolo della Scrittura». Con questo si intendevano i cristiani. .

Settimana della svolta

L’Imam ha accettato di incontrare il pastore Kofi in un luogo segreto per una settimana per parlare intensamente di cosa significa essere cristiani, con molta preghiera, studio della Bibbia e liberazione. Alla fine di questa settimana, l’Imam ha consegnato la sua vita a Gesù Cristo come suo personale Salvatore e Signore.

Quando tornò alla moschea, era diventato un uomo nuovo. Ha iniziato a insegnare dal Ingil (nome per i Vangeli nel Corano). Ahmed condusse una famiglia dopo l’altra in una relazione con Gesù Cristo.

Mentre gli altri imam che viaggiavano con Ahmed all’inizio lo ritenevano pazzo, anch’essi gradualmente credettero in Cristo. Ahmed iniziò a frequentare segretamente una riunione di pastori delle comunità cristiane.

Le moschee di Gesù

Un giorno Ahmed si presentò alla riunione dei pastori radioso da un orecchio all’altro. «Ora finalmente è successo. Tutti nella mia moschea sono seguaci battezzati di Gesù Cristo. »

Lo stesso movimento mentale è accaduto anche nelle moschee degli altri Imam. Un giorno, tutti e cinque gli uomini vennero alla riunione dei pastori. Hanno spiegato che le loro moschee erano piene di discepoli di Gesù Cristo. Essi insegnavano dall’Ingilio e spezzavano insieme il pane mentre celebravano la Cena del Signore.

Traduzione dal tedesco: E. Schembre

Autore: Mark Ellis / Daniel Gerber

Fone: Godreports / Übersetzung: Livenet